Premio
Domenico Rea

Dal 1995 per rendere omaggio alla memoria del grande scrittore napoletano Domenico Rea si tiene annualmente nell'isola d'Ischia il premio letterario a lui dedicato.

Il premio si articola in due sezioni:
autori (narrativa e saggistica) e giovani lettori.
In basso i bandi di concorso

 

Settembre 1995 - 1° edizione del premio Rea all'hotel Excelsior - Giuria presieduta da Jean Noel Schifano

Premio Domenico Rea

attestato di registrazione di marchio d’impresa n. 00741661

Ministero dell’industria del commercio e dell’artigianato ufficio italiano brevetti e marchi

Citta di Ischia – Regione Campania –Camera di Commercio II A.A. Napoli- Banca Popolare d’Ancona

Bando di concorso XIV edizione – riservato agli autori -

La quattordicesimaedizione si articola in due sezioni: narrativa e saggistica. Verranno premiate le opere edite, in Italia e all’estero,

dal 15 maggio 2007 al 15 maggio 2008

Premio speciale alla carriera, sarà assegnato dalla giuria tecnica per l’intera vita dedicata alla letteratura, cinema e teatro. Premio speciale per le giovani promesse. Premio speciale del Comune di Ischia. Le case editrici invieranno dieci (10) copie per ogni titolo dell’autore scelto, alla segreteria del Premio Domenico Rea

ENTRO E NON OLTRE IL 31 MAGGIO 2008

Segreteria Premio Domenico Rea – Casella postale 13 – 80077 Ischia (NA) - se spedite per posta

Segreteria Premio Domenico Rea presso l’Azienda Turismo e Soggiorno Via Antonio Sogliuzzo, 72 -80077 Ischia – se spedite per corriere.

Gli autori, sezione narrativa, prescelti dalla giuria tecnica (cinque finalisti) dovranno, attraverso le case editrici, spedire 130 (centotrenta) copie (pagate dall’organizzazione, a prezzi di costo), da distribuire ai giudici popolari. Per la sezione saggistica, il vincitore è scelto dalla stessa giuria tecnica, presieduta da Mauro Giancaspro (Presidente), Nunzia Sena, Giuseppina Tripodi, Laura De Giorgio, Massimo Loiacono.

I vincitori delle due sezioni riceveranno la statuetta in bronzo (simbolo del premio) dello scultore Lello Esposito e un assegno di Euro 1.000 (mille); SOLO SE PRESENTI, ospiti dell’organizzazione, insieme con i finalisti, DI PERSONA ALLA PREMIAZIONE FINALE, sabato 25 ottobre 2008, al Grand Hotel Jolly di Ischia alle ore 20,00.

Premi e riconoscimenti speciali andranno agli altri quattro classificati. Una giuria popolare di centotrenta membri selezionati tra i cittadini dell’isola d’Ischia, di tutte le categorie sociali, voterà alla presenza del notaio Nino Arturo.

Ischia, 15 marzo 2008


Il comitato organizzatore
info@carimma.it -www.premiodomenicorea.it – info 081.90.14.64 – 340.079.51.68


PREMIO CARLO DESSY

riservato ai lettori

Regione Campania - Comune di Ischia – Camera di Commercio

Il Comitato organizzatore del premio Domenico Rea per la dodicesima volta affianca al premio per la narrativa e la saggistica un
PREMIO SPECIALE PER I LETTORI
destinato agli studenti delle scuole Medie superiori.
Il Premio avrà le caratteristiche di una gara e si svolgerà nel modo seguente: dai libri indicati di seguito verranno letti alcuni brani. Gli studenti che indovineranno l’autore avranno un punto (+1) in classifica. Chi sbaglia (-1) che sarà detratto. Alla fine chi arriva per primo a cinque risposte giuste determina la fine della gara con la relativa graduatoria finale.

I libri da leggere:

Joseph Roth, Fuga senza fine, Adelphi € 7,00 
Georges Bernanos, Diario di un curato di campagna, Mondadori, € 7,80 
Borìs Pil'niàk, Racconto sul come scrivere i racconti, Imagaenaria, € 9,00 
Nikolaj Leskov, Il viaggiatore incantato, Adelphi. € 8,00 
Cormac McCarthy, Non è un paese per vecchi, Einaudi, € 10,80 

 

Gli studenti che intendono partecipare al Premio dovranno dare la loro adesione scritta, all’organizzazione del Premio Domenico Rea - casella postale 13 - 80077 ISCHIA -
ENTRO E NON OLTRE IL 31 MAGGIO 2008

La gara si svolgerà SABATO 25 OTTOBRE 2008 alle ore 11.00 nel Grand hotel Jolly di Ischia.
Al vincitore andrà la somma di E 500. E 450 al secondo classificato. E 400 al terzo. E 350 al quarto. E 300 al quinto classificato. E 250 al sesto. E 200 al settimo. E 150 all’ottavo. E 100 al nono. E 75 al decimo. Dall’11 al 15 posto E 50.
I primi cinque classificati avranno anche una coppa a seconda della graduatoria finale. Premi in libri saranno assegnati a tutti i partecipanti e insegnanti coordinatori. A tutti i concorrenti attestati di credito scolastico. Premi e riconoscimenti si ritirano nel corso della manifestazione finale di sabato 25 OTTOBRE alle ore 20, salone delle feste Hotel Jolly di Ischia, solo se presenti personalmente.

Ischia, 15 marzo 2008

www.premiodomenicorea.it
info: 081/901.464 328/473.67.11
Il comitato organizzatore


1995-2008: QUATTORDICI ANNI DI PREMIO DOMENICO REA

Nel nome di Mimì

La storia di un atto di riconoscenza ad un autentico amico dei giovani e dell’isola d’Ischia.

Da “Paese Sera” al premio Paolo Buchner


A sinistra Davide d’Ambra con Domenico Rea, durante una manifestazione nel 1987

Mimì, come l’inventore del premio Domenico Rea, ha scritto anche per Paese Sera, mitico quotidiano degli anni Settanta, diretto da Arrigo Benedetti, maestro insigne dei Biagi, Bocca, Scalfari, Giampaolo Pansa. Davide d’Ambra, semplice corrispondente locale, incontra Rea, al circolo della stampa della Villa Comunale di Napoli, agli inizi degli anni ’70. Le idee bellicose collimano e Mimì accetta volentieri, di presiedere la giuria del premio “Paolo Buchner”, organizzato dal periodico Ischia Express, diretto da Davide d’Ambra. Manifestazione dedicata ai ragazzi delle scuole elementari e Medie che stimolava la creatività, nella scrittura, il disegno, l’inventiva, con premi di natura ecologica. Il coinvolgimento delle scuole era totale e il sindaco democristiano dell’epoca, Enzo Mazzella, era costretto a presenziare. Occasione ghiotta per Domenico Rea che inveiva contro l’arroganza dei potenti politici dell’epoca. “Quando tempo ancora dobbiamo restare qui, per subìre questi attacchi avvilenti?”, gemeva il povero sindaco. Tutto provocato dal ritardo cronico, nell’arrivo dei notabili, che irritavano Rea: “Né guagliò. ma ccà nun ce sta nisciuno”, si lamentava rivolto all’amico d’Ambra. “Non ti preoccupare, vedrai che all’ultimo minuto arriva il sindaco e la giunta al completo”. Puntualmente succedeva proprio come anticipato. E allora Mimì si scatenava: “io dovunque vado mi faccio pagare per la mia presenza, ma da lui non accetto una lira. L’amico d’Ambra organizza qualcosa di eccezionale, coinvolgendo i ragazzi e voialtri politici dovreste dargli un concreto appoggio anche economico. Invece vi presentate qui all’ultimo minuto, quasi per un semplice atto di presenza istituzionale. Vergognatevi!” Parole pesanti che lasciavano impietriti sindaco e giunta. Ma Mimì Rea non aveva peli sulla lingua e spesso litigava anche con i giovani, come se lui stesso fosse ritornato ragazzo. Poi nel febbraio del 1994, dopo aver vinto il Premio Strega, Domenico Rea, si spense, inaspettatamente. Un brutto colpo per il mondo giornalistico letterario e l’immediata decisione, di dedicargli un premio. Diverso dai soliti premi letterari, con una giuria tecnica e una popolare che vota alla presenza del notaio, per scegliere il vincitore della sezione narrativa. La saggistica invece è scelta dalla giuria tecnica. Ma un discorso a parte merita la sezione riservata ai giovani lettori. Grazie alla scrittrice Fabrizia Ramondino, tre partecipazioni nella giuria tecnica, nel 1996, nasce il premio riservato ai lettori. Si danno premi in denaro, fino al quindicesimo classificato, agli studenti delle scuole Medie superiori, impegnati d’estate nella lettura di cinque libri di autori classici. La mattina della manifestazione finale, di solito agli inizi di settembre, nella biblioteca Antoniana, i ragazzi devono riconoscere più brani possibili nel corso della lettura di un membro della giuria. Partiti con undici partecipanti, oggi, 4 settembre 2004, sono 90 i ragazzi in gara.

Da Jean Noel Schifano, attraverso Vincenzo Consolo, Francesco Leonetti, Anna Casella Martelli, Romeo De Maio, a Mauro Giancaspro.

Enzo Biagi è stato il primo vincitore del premio, con Luciano Violante e Aldo Zargani, ha dato un tocco di prestigio alla neonata iniziativa. Ma Carlo Dessy, vincitore dell’ottava edizione, è stata la scoperta eccezionale di un autore che scrive con semplicità disarmante. “Napoli, punto e a capo”. “Hotel Plaza”, sono piccoli capolavori della narrativa, degni della migliore tradizione giallo-autobiografica. Dessy, unico tra i vincitori, ha devoluto la vincita al premio riservato ai giovani lettori e tuttora è presente, con contributo personale, alle edizioni dedicate agli studenti.


I giurati e i vincitori dal 1995 al 2005

I edizione - 30 settembre 1995

Presidente Jean Noel Schifano. Nello Aiello, Ferdinando Camon, Freancesco Durante, Goffredo Locatelli, Angelo Rinaldi, Edoardo Sant’Elia, Romualdo Marrone.

Saggistica Luciano Violante “Non è la piovra”. Narrativa. Aldo Zargani “Per violino solo”. Premio della giuria a Maria Orsini Natale “ Francesca e Nunziata”. Giornalismo: riconoscimento a Enzo Biagi “Lunga è la notte”.

II edizione – 28 settembre 1996

Presidente Vincenzo Consolo. Fabrizia Ramondino, Giuseppina De Rienzo, Rina Lamberti Sorrentino, Maria Giulia Castiglione, Paolo Graldi, Roy Boardam, Antonio Bardi, Goffedro Locatelli.

Saggistica Enrico Deaglio “Bella Ciao”. Narrativa: Giacomo Battiato “Fuori dal cielo”, Marsilio. Premio della giuria alla regista Lina Wertmuller e al cast del film “Ninfa Plebea” presenziato dalla protagonista Lucia Cara, Stefania Sandrelli e Raul Bova.

III edizione - 19 luglio 1997

Presidente Vincenzo Consolo. Paolo Graldi, Fabrizia Ramondino, Lucio Varriale, Giovanni Di Meglio, Maria Giulia Castagnone.

Saggistica: Gherardo Colombo “Il vizio della memoria”. Narrativa: “Luciana Viviani “Le viceregine di Napoli”.Premio della giuria a Gherardo Colombo e Raffaele la Capria.

IV edizione – 11 luglio 1998

Presidente Francesco Leonetti. Gianni Riotta. Annella Prisco. Giuliana Gargiulo. Lucio Varriale.

Saggistica: Francesco Misiani e Carlo Bonini “La toga rossa”. Narrativa: Gianpaolo Rugarli “Una gardenia nei capelli”. Premio della giuria al regista Giuseppe Patroni Griffi. Premio del comune a Giuseppe Ferrandino “Pericle il nero”.

V edizione – 25 settembre 1999

Presidente Anna Casella. Donatella Trotta, Ugo Vuoso, Marino Niola.

Saggistica Piero Boitani “Sulle orme di Ulisse”, Narrativa Enrico Micheli “L’uomo col panama”.Premi della giuria a Pino Simonetti per l’attività di regista televisivo.

VI edizione – 7 ottobre 2000

Presidente Anna Casella. Giancarlo Menichelli, Fidora Ruiz, Pino Simonetti, Marilù Vuolo.

Saggistica : Antonio Papa, Guido Panico “Storia del calcio in Italia”. Narrativa Carlo Dessy “Napoli Punto e a Capo” . Premio della giuria a Luciano varriale per il libro “Il grande cartello”. Premio alla carriera al regista Antonio Fugazzotto.

VII edizione – 6 ottobre 2001

Presidente Anna Casella. Giancarlo Menichelli, Fidora Ruiz, Pino Simonetti, Enzo Petrazzuolo

Saggistica Romeo De Maio. “Cristo e la sfinge”. Narrativa: Luciana Rollo Bancale “Maleficio Mediterraneo”. Premio della giuria a Vincenzo Consolo per il libro “Al di qua del faro”. Premio allo studioso Nunzio Albanelli. Premio alla giovane promessa televisiva Serena Autieri.

VIII edizione – 6 ottobre 2002

Presidente Anna Casella. Nunzia Sena, Fidora Ruiz, Pino Simonetti,Giancarlo Menichelli.

Saggistica. Loris Marcucci “Dieci anni che hanno sconvolto la Russia”.Narrativa: Carmine Abate “Tra due mari”.

Premio del comune a Gaetano Fazio. Premio della giuria al sindaco Giuseppe Brandi.

IX edizione – 27 settembre 2003

Presidente Mario Buonoconto. Nunzia Sena, Rosetta Fidora Ruiz, Massimo Loiacono, Stefano Valanzuolo

Saggistica - “L’impossibilità della storia” edizioni Caroggio. Narrativa, Renato Gomez d’Ayala con la TAVOLA DI TANO, edizioni Pironti. Annamaria Ackermann, premio alla carriera. Don Agostino Iovene, premio speciale del Comune di Ischia . Andrej Longo, targa d’argento per la giovane rivelazione della narrativa.

X edizione – 4 settembre 2004. Presidente Romeo De Maio. Nunzia Sena, Rosetta Fidora Ruiz, Massimo Loiacono, Stefano Valanzuolo.

Saggistica, con il libro, “I campi del Duce” di Carlo Spartaco Capogreco – Gli Struzzi Einaudi.

Narrativa “Il paese delle meraviglie”, GiuseppeCulicchia, Garzanti.

Menzione speciale a Titti Marrone per il libro “Meglio non sapere”, editore Laterza. Targa d’argento del Comune di Ischia, al magistrato Albino Ambrosio, “per l’impegno nella salvaguardia dell’ambiente marino e del territorio”. Premio speciale all’attrice Myriam Candurro, giovane rivelazione del cinema.

 

XI edizione – 3 settembre 2005. Presidente Mauro Giancaspro, Rosetta Fidora Ruiz, Massimo Loiacono, Felice Piemontese, Antonella Cilento

Saggistica, con il libro, “Il pellegrino appassionato” di Paola Italia – Sellerio editore.

Narrativa “Senza Re né regno ”, Domenico Seminerio, Sellerio editore.

Menzione speciale a Emilia Bersabea Cirillo per il libro “L'ordine dell' addio ”, Diabasis edizioni. Targa d’argento del Comune di Ischia, all' imprenditore Salvatore Di Meglio . Premio speciale della giuria a Vincenzo De Gregorio, direttore del conservatorio San Pietro a Maiella di Napoli. Premio speciale della giuria tecnica a don Alfredo Loffredo ispiratore della giovane compagnia teatrale " Sotto il ponte" . Premio speciale al professore Raffaele Russo insigne primario ortopedico dell'ospedale dei Pellegrini per le sue ineguagliabili doti umanitarie.

 

XII edizione - 14 ottobre 2006. Presidente Mauro Giancaspro, Rosetta Fidora, Ruiz, Nunzia Sena, Massimo Loiacono, Felice Piemontese,
Saggistica, con il libro, "Parole di giorni lontani" di Tullio De Mauro -
Mulino editore.
Narrativa "Giugno Picasso", Peppe Lanzetta, Feltrinelli editore.
Targa d'argento della Camera di Commercio di Napoli a Nando Casciarelli.
Targa d'argento per gli studi sul telescopio più grande del mondo al
Professore Massimo Capaccioli. Targa d'argento per le sue performance nel
teatro napoletano all'attrice emergente nel settore giovanile Annie
Pempinello. Targa d'argento all'enologo Andrea D'Ambra per il contributo
alla conoscenza dei vini di Ischia e dell'incremento del rapporto tra
l'imprenditoria vitivinicola e il mondo del lavoro.

XIII edizione - 13 ottobre 2007. Presidente Mauro Giancaspro, Nunzia Sena, Massimo Loiacono, Jacopo Fronzoni, Giuseppina Tripodi e Laura De Giorgio
Saggistica con il libro “Le orme dell’amore” di Marina Lessona Fasano – Rubbettino editore.
Narrativa con il libro, "Dietro il tuo silenzio " di Laura Facchi – Mondadori editore.
Targa d'argento per l’imprenditoria a Maria Ida Avallone;
Targa d'argento per la musica al pianista Antonio Acunto;
Targa d'argento per il teatro a Franca e Alfredo Apa;
Targa d'argento per il design allo Studio Semidizucca con Stefania Barba Alessandro Ceso e Marco Puzzo;
Targa d’argento per la cultura al senatore Giovanni Fontana.

I ragazzi vincitori del premio “Carlo Dessy”
Martina Di Massa
Rosaria Manzi
M. Francesca Di Maio
Silvestri Luca
Colella Massio
Davide Palma
Giosuè Verde
Raffaella Cusenza
Annalisa Iride
Emanuela Buono
Tiziana Buonocore
Gianluigi Schiano
Raffaella Del Prete
Rosa Amalfitano
Roberta Schiano.

I nostri sponsor: